Condividi con il tuo Network!

Ricordi quando a Novembre ti ho parlato di come targettizzare il pubblico su LinkedIn? O di quando ho raccontato dell’integrazione con Bing? Ecco, i nuovi aggiornamenti partono proprio da questo!

LinkedIn sembra sempre più orientata verso il marketing B2B: i nuovi aggiornamenti, infatti, forniscono nuovi strumenti ai marketer per poter sponsorizzare sempre meglio i contenuti.

Ma vediamo insieme cosa è cambiato, o cosa sta per cambiare! ?

Segmentazione per interessi

Dell’integrazione tra LinkedIn e Bing ne ho parlato a metà dicembre, quando le funzionalità erano state rilasciate in fase di testing ad alcuni utenti USA.

Da gennaio, con la segmentazione per interessi, è possibile creare campagne ancora più precise ed efficaci utilizzando i dati raccolti sugli interessi degli utenti della piattaforma.

LinkedIn-segmentazione per interessi

LinkedIn ora vuole anche ampliare questa funzionalità, sfruttando l’integrazione con Bing: lo scopo è quello di permettere ai marketer di usare i dati raccolti anche dal motore di ricerca – sugli interessi personali e professionali degli utenti – e personalizzare quindi ulteriormente le Ads da mostrare.

L’azienda ha precisato che questo verrà fatto mantenendo uno standard elevato di privacy nei confronti degli utenti, e proprio per questo è ancora in programmazione.

Audience Lookalike

Creare la Buyer persona è fondamentale per una strategia di digital marketing, e LinkedIn pare aver deciso di aiutare gli utenti in questa fase.

L’inserimento della funzionalità Lookalike su LinkedIn – attiva a partire da Aprile – permette infatti alle aziende di creare delle Ads mirate a raggiungere gli utenti simili ai propri clienti.

L’utilizzo di uno strumento di anonymous tracking come Lead Champion discover, ad esempio, ti può aiutare in questo. Grazie al tracciamento delle aziende che visitano il tuo sito, infatti, puoi esportare una lista di quelle più in target – filtrando tramite gli scoring firmografico e comportamentale – da utilizzare su Linkedin come Audience Lookalike.

Questo tipo di audience si può creare in pochi click, partendo come base anche delle Matched Audiences, una funzionalità di retargeting ad hoc per chi ha già visitato il sito.

Nuovi modelli di audience

Uno strumento molto utile, soprattutto per chi non ha una lista di contatti su cui basarsi per creare il Lookalike, è il modello di audience.

linkedin novità modelli di audience

Questo infatti permette di creare delle campagne altamente targettizzate grazie a modelli pre-esistenti. Basta inserire la persona tipo che state cercando e LinkedIn stesso restituirà una corrispondenza grazie ai dati in suo possesso.

I template tengono in considerazione informazioni come competenze, cariche lavorative e gruppi LinkedIn a cui l’utente è iscritto, e sono facilmente attivabili.

Organizzazione di meeting

Devi pianificare la prossima riunione ma non sai la disponibilità di tutti? Ora potrai farlo anche tramite LinkedIn!

Grazie alle nuove funzionalità, infatti, è possibile condividere le proprie disponibilità da mobile – consentendo all’app l’accesso al calendario – e anche il luogo dell’evento.

Questa novità tende verso una funzionalità ancora più interessante per i marketer: l’organizzazione degli eventi.

Come su Facebook, infatti, LinkedIn vuole dare un modo alle aziende di organizzare i propri eventi direttamente sulla piattaforma in modo altamente targettizzato.

Cosa cambia quindi?

I nuovi aggiornamenti di LinkedIn hanno offerto delle risposte alle esigenze dei marketer presenti sulla piattaforma.

Vediamo quindi in breve cosa puoi fare con questi nuovi aggiornamenti:

  • creare ads personalizzate sugli interessi grazie all’integrazione con Bing;
  • trovare contatti simili ai tuoi clienti grazie al Lookalike;
  • raggiungere nuovi potenziali clienti grazie ai modelli di audience;
  • organizzare riunioni con i tuoi collaboratori, e prossimamente eventi con il tuo network.

LinkedIn sta ampliando sempre più i suoi orizzonti, per diventare una piattaforma adatta al Marketing B2B. I passi verso questa direzione sono sempre più decisi, e danno risultati molto incoraggianti.

Nell’ottica di creare un nuovo strumento per il marketing B2B, Adobe ha annunciato la sua collaborazione con Microsoft per un nuovo progetto. Grazie alla suite di prodotti Adobe, la piattaforma Marketo, il software – su cui sta lavorando Microsoft – Dynamics 365 e l’advertising di LinkedIn, infatti, le due aziende vogliono porsi come avversari di Salesforce, offrendo al mercato un software integrato per le vendite e per il marketing!

Non resta che aspettare e vedere cosa succederà, ma le premesse sono le migliori! ?

leonardo di caprio great gatsby

Vuoi scoprire le aziende che visitano il tuo sito anche se non hanno compilato form di contatto? 

Richiedi subito una demo gratuita di Lead Champion discover!

Condividi con il tuo Network!